Direttore responsabile Alessandro Risso -  Autorizzazione Tribunale di Torino n.4651 del 4/3/1994   

EDITORIALI

La democrazia senza popolo


   Alessandro Risso     24 Giugno 2024       2
A due settimane dal voto per eleggere il Parlamento europeo non abbiamo ancora i risultati ufficiali, neppure fossimo la Repubblica Centrafricana (spero che il suo ambasciatore non legga e non si offenda, nel qual caso mi scuso preventivamente). Mancano ancora all’appello 78 sezioni di Roma per poter chiudere i conti. Non ci facciamo una bella figura, dato che siamo l’unico Paese dell’Unione europea a non aver ufficializzato l’esito delle urne. Ma tant’è. Aspettavo i dati ufficiali per poter commentare le elezioni con i numeri certi, dato che secondo il malcostume della politica spettacolo si sono ascoltate uscite di ogni sorta, tutte tese a rivendicare un qualche successo dalla...
(continua a leggere)



ECONOMIA E LAVORO

Dignità e sicurezza del lavoro: il dito e la Luna


   Giancarlo Infante     24 Giugno 2024       0
Come sovente accade, i fenomeni sociali vengono presi in considerazione dalla Politica e dalla pubblica opinione solo quando drammatici fatti costringono a non fare altrimenti. E spesso confermando il detto secondo cui il saggio guarda alla Luna e lo stolto al dito che la indica. Gli organi di comunicazione hanno dato un grande risalto alla morte del giovane bracciante indiano Satnam perché era inevitabile che fosse così. Troppo crudele la sua morte perché potesse passare sotto silenzio. Come i tanti dettagli che, ancora una volta emergono, in vicende di sfruttamento disumano che quotidianamente, oltre che inutilmente, riempiono le cronache. Veniamo, così , a sapere che il Presidente...
(continua a leggere)



SOCIETA' E VALORI

Come si spiega l’astensionismo elettorale?


   Francesco Provinciali     23 Giugno 2024       0
Le recenti elezioni europee, ma anche le precedenti regionali e poi quelle amministrative fino a risalire alle politiche hanno espresso un dato vistoso che nessun analista e gli stessi partiti potrebbero eludere, pena l’essere tacciati di indifferenza ovvero di abituarsi ad una deriva che di fatto falsifica l’esito del voto: senza ombra di dubbio l’astensionismo costituisce un fenomeno che meriterebbe di essere studiato con urgenza perché ormai è stata superata la soglia del 50% di coloro che hanno rinunciato ad esprimere una scelta. Innanzitutto bisognerebbe capire se questa tendenza ormai sedimentata, tanto da far dire che viviamo una sorta di democrazia minoritaria, possa essere ascritta...
(continua a leggere)



TERZA REPUBBLICA

Premierato: la deriva più pericolosa


   Aldo Novellini     19 Giugno 2024       3
Nel modello presidenziale americano, il Capo dello Stato, eletto a suffragio universale è anche guida del governo. Mancando il primo ministro, il Presidente incorpora nella sua persona l'intero potere esecutivo. Il potere legislativo, rappresentato dal Parlamento risulta però totalmente separato: i parlamentari non possono sfiduciare il Presidente né questo può sciogliere anticipatamente le Camere convocando nuove elezioni. Presidente e Parlamento sono due poteri paralleli senza interferenze l'uno con l'altro: separazione e bilanciamento dei poteri, per l'appunto. Altro modello è quello semipresidenziale adottato in Francia. Anche qui il Capo dello Stato viene eletto a suffragio universale...
(continua a leggere)



EUROPA, MONDO

UE: dopo il voto serve uno spirito costituente


   Giuseppe Davicino     15 Giugno 2024       2
Nonostante l'avanzata della destra estrema in Germania e Francia, nel complesso il voto europeo non ha cambiato gli equilibri tra le varie famiglie politiche. Popolari, socialisti e liberaldemocratici continuano ad essere il perno di qualunque nuova maggioranza al Parlamento europeo. E questo indipendentemente dall'esito delle prossime legislative francesi di luglio. In ogni caso a Bruxelles vi sarà bisogno di una maggioranza molto ampia, e di una intesa altrettanto larga fra gli Stati membri per fare quelle riforme senza le quali è a rischio l'avvenire dell'Unione Europea. Ciò che serve in questa fase storica è uno spirito costituente e allo stesso tempo pragmatico, per avviare ora, e...
(continua a leggere)



EUROPA, MONDO

L’ondata di destra contenuta dai frangiflutti


   Giancarlo Infante     15 Giugno 2024       3
Così è arrivata l’ondata di destra, ma, al di là di alcuni risultati eclatanti come in Francia e in Germania, non riesce a superare i frangiflutti europeisti. Il risultato finale dovrebbe far trovare alle destre un po’ più di 130 seggi nel Parlamento di Strasburgo che, però, ne ha 705. I conservatori della Meloni crescono di un solo seggio. Nove in più per quelli della Le Pen e Salvini. Troppo poco per scalfire l’attuale maggioranza. Si è trattato di un’ondata controversa e dipendente dalle situazioni nazionali. I conservatori della Meloni non avanzano dappertutto e lo stesso è accaduto all’altra destra della Le Pen e Salvini. Per non parlare dello schiaffone ricevuto...
(continua a leggere)



ASSOCIAZIONE

Tutti per Guido martedì 18


        12 Giugno 2024       0
Appuntamento da non perdere per tutti i democratici popolari di ispirazione cristiana, soci e simpatizzanti della nostra Associazione, e per tutti coloro che hanno a cuore le sorti della malata democrazia italiana. Martedì 18 giugno alle ore 17.30, nell’Auditorium del Polo del ’900 (Palazzo San Daniele, via del Carmine 14 – Torino) verrà presentato in prima assoluta il libro di Guido Bodrato IL CORAGGIO DELLA DEMOCRAZIA. Gli articoli su “Rinascita popolare” nella deriva della Seconda Repubblica (2011-2023), edito da Studium, curato e introdotto da Alessandro Risso, con la Postfazione di Gianfranco...
(continua a leggere)



EDITORIALI

Povera Europa… poveri noi


   Alessandro Risso     7 Giugno 2024       8
Cosa dobbiamo aspettarci dalle elezioni dell’8 e 9 giugno? Sinceramente, poco. Il dato politicamente più rilevante agli occhi di chi è seriamente preoccupato per la deriva oligarchica e plebiscitaria su cui sta rovinando la Seconda Repubblica, sarà vedere quanto inciderà l’astensionismo. Nelle tre elezioni regionali dei primi mesi dell’anno (Sardegna, Abruzzo e Basilicata) l’affluenza al voto è stata omogenea, complessivamente appena sopra la metà dei votanti (52,2%, 52,1%, 49,8%) con un calo percentuale rispetto al 2019 di un paio di punti, doppio tra l’elettorato lucano. Da allora però abbiamo avuto vicende poco edificanti in Piemonte, Puglia e Liguria, tra indagini per...
(continua a leggere)



EUROPA, MONDO

Più che mai serve il disarmo nucleare


   Giuseppe Rotunno     7 Giugno 2024       1
Il trattato per la riduzione dei missili balistici, conosciuto in inglese come ABM Treaty, è stato firmato da Stati Uniti e Unione Sovietica nel maggio del 1972, ovvero mentre imperversava la Guerra Fredda, dal presidente americano Richard Nixon ed il leader sovietico Leonid Breznev, con l’intento di concretizzare la necessità di fermare la corsa alle armi nucleari, la quale era partita dopo Hiroshima e Nagasaki. In quel frangente, per la prima volta, si è avvertita l’urgenza di arrestare il riamo. Questo trattato, sostanzialmente, intendeva diminuire il numero di scudi missilistici e, di conseguenza, anche i dispositivi d’arma nucleari e di ordigni d’attacco. Tale accordo però,...
(continua a leggere)





Fardelli d'Italia

 

Brighella e Arlecchino

     15 Giugno 2024       0
 
Difficile indicare chi di loro nel teatrino della politica veste meglio i panni a pezze multicolori dell’uno o l’abito bianco dell’altro. Diciamo che sono intercambiabili nei ruoli delle due maschere bergamasche. Certo  [...]


 

La RAI censura i vescovi

     19 Febbraio 2024       0
 
Sempre più costretti a limitare l’ascolto del Tg1, una volta passati sul telegiornale di un’altra emittente, ieri sera si è sentito riportare il duro giudizio dei vescovi italiani sul piano Albania sui migranti. La  [...]


 

Reticenza su Olivetti

     7 Dicembre 2023       3
 
Con una certa sorpresa abbiamo assistito ieri al fatto che alcuni telegiornali si sono ricordati dell’anniversario della morte di Camillo Olivetti. Il padre di Adriano che proseguì la sua opera illuminata d’imprenditore  [...]


 

Sorelle d’Italia

     30 Agosto 2023       0
 
In politica i cognati vanno di moda fin dai tempi della Prima Repubblica. Si tratta di una parentela particolare, acquisita, un po’ asimmetrica e sghemba, favorisce una consuetudine di rapporti, predispone a collaborazioni  [...]


 

Il testamento parlante

     4 Agosto 2023       0
 
Prima di lasciare il fu Silvio Berlusconi all’unico giudizio che conta, quello di Dio, abbiamo ancora un tarlo che non riusciamo a silenziare. Come è universalmente noto (i media hanno parlato per settimane del suo testamento)  [...]









Ultimi commenti

  • Maurizio Trinchitella
    La democrazia senza popolo
    Coraggiosa e lucida analisi politica. Ora urge abbandonare, dimenticare la seconda fase della vita repubblicana originata dalla bicamerale De Mita-Iotti che produsse il "Mattarellum", a seguito dei ne...

  • Mario Antenucci
    La democrazia senza popolo
    Esame perfetto della stato politico-sociale italiano. Quale la cura ? Il pezzo di Francesco Provinciali è di aiuto. Credo che in INSIEME dobbiamo parlarne approfonditamente anche x proporre un refere...

  • Andrea Griseri
    L’ondata di destra contenuta dai frangiflutti
    In un articolo riportato nel libro, magistralmente curato da Alessandro Risso, Bodrato individua una delle cause dell'esaurimento della spinta propulsiva degli originari ideali europei: la dissoluzio...

  • giuseppe cicoria
    Premierato: la deriva più pericolosa
    Non posso non nascondere la mia incapacità a formulare un pensiero di riforma. Condivido le perplessità di Trinchitella ma ritengo che qualche modifica CONDIVISA da almeno i 2/3 dei cittadini aventi...

  • Santo Bressani Doldi
    L’ondata di destra contenuta dai frangiflutti
    Sono da sempre europeista anche se deluso dall’attuale situazione assai lontana dagli ideali dei fondatori. Resto comunque europeista. Ritengo un modo vecchio e stantio parlare di frangiflutti contr...

  • Maurizio Trinchitella
    Premierato: la deriva più pericolosa
    Ineccepibile! Solo una chiosa: vi è una vulgata che attraversa tutto l’arco costituzionale delle forze politiche volta a ricercare una qualche riforma istituzionale capace di stabilizzare il siste...

  • Nicol fug
    Premierato: la deriva più pericolosa
    Il quadro della situazione è chiaro e molto preoccupante per il grave rischio che corre l'assetto democratico istituzionale dello Stato, nel caso in cui dovesse essere approvata la modifica della Co...


SEZIONI